Pagelle Aquila Trento – Leno 0-0

STENICO 7-
Posizione. Sicuro. Attento. Prestazione quasi alla Pelz. Infilasse una cazzata o qualche rete al passivo sarebbe degno di cotanto compagno di squadra premiato miglior portiere del girone. Anima e rianima la serata nelle vesti di dj. Spogliarellista.

PAOLAZZI 6.5
Le primavere sono tante, ma il ruolo di terzino gli calza a pennello. Galvanizzato dall’ottima prova e dal caldo primaverile, prova il triplete nel post-partita. Finisce sconsolato a casa con Max Birillo Trentini.

MERCI 7-
Il Capitano gioca e vive due incontri in un colpo solo. Copre e corre in difesa. Copre e corre in fascia. Piazza un joystick sulla testa di Ali e prova a telecomandarlo per tutto il tempo. Il replicante si rivela più ostico delle cominazioni della playstation, ma il risultato arriva.

DONDI 6+
Si posiziona sul faro e controlla la costa da luogo privilegiato. Baluardo invalicabile, porta casa tintarella, poco sudore e il pollo.

VALANDRO 6.5
Il talento di Gardolo Vecchia è in gran spolvero. Quando non serve appare solido e in palla.

BAZZANELLA IL GIOVANE 6
Gioca per amicizia e divertimento, ma leggendo il contratto sottoscritto l’ultimo inverno con l’AC Aquila Trento viene a conoscenza che i playoff non sono compresi negli accordi. Ragazzo intelligente, capisce quindi il momento e non affonda il colpo. Serve un pallone d’oro a Bisognin: volutamente.

BISOGNIN 5.5
La prestazione è buona. Si scomoda perfino in territorio difensivo, fino a quando la birra del sabato prima circola ancora in corpo. Dopo la sbornia, passa anche la voglia di rientrare. Pesa, al contrario, l’occasionissima solo davanti al portiere avversario. Si consoli, in caso contrario il voto sarebbe stato ben peggiore.

DANSOGO 6
Prova non malvagia alla prima da titolare. Certo, come unico effetto collaterale costringe il malcapitato Merci a passare l’estate in psicoterapia. Le lacune tattiche sono ancora evidenti, ma sopperisce a questa difficoltà con la tipica velocità di Paolazzi fra le lenzuola. Tecnicamente da rivedere, però all’Aquila Trento è in buona compagnia.

VALENTINI 5.5
Finalmente l’inutile distrazione del campionato è terminata. Il bomber aquilotto può dedicarsi a trovare una squadra di categoria superiore e soprattutto infortunarsi in qualche torneo estivo.

AGOSTINI 6.5
Si presenta per primo al cancello. Si accomoda in mezzo al campo con il numero 10 sul frigorifero. Corre, mena e uccide perfino un pollo.

MANTOVANI 6
Ultima di riposo. Valentini riesce ad appannare perfino Mantovani. Si divora due reti, cinque polli e sette litri di birra. Gordo.

BAZZANELLA RICCARDO – Classe 1970 7
Intramontabile. Clonatelo.

DIAGNE 6.5
Si lascia andare a qualche amnesia difensiva, ma per il resto cerca di tenere posizione e squadra alta.

NARDELLI 6
Gli capita la palla della vittoria sui piedi. Pericolo scampato. Pretoria.

MISTER NONES 7
Brutto. Agitato. Non capisce un cazzo di calcio. La sua Aquila Trento gioca diversamente bene, però chiude secondo dietro al Rovereto. Ok, in compagnia di Monte Baldo e Calceranica, ma sempre meglio mandare avanti gli altri a giocare esibizioni forse inutili e incappare nelle mine.

PATRON 10
Che dire, il banco vince. Sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...