Pagelle Lona Lases – Aquila Trento 1-4

PELZ 6.5
Colto da improvviso furore uterino non si lascia sfuggire la possibilità di aprire le gambe e registrare la prima rete al passivo in questo campionato. La sua verginità dura circa 220 minuti; un’autentica figa di legno.

BRUGNARA 6.5
Il George Clooney del Lago di Caldonazzo scende in campo bello come il primo giorno di scuola. Baldanzoso, si prodiga in chiusure puntuali e attente. Non ha ancora capito. Il Calceranica vincerà il campionato proprio grazie alla sua cessione.

DEMATTE’ 6.5
I maggiori siti specializzati in scommesse hanno dato Michele Demattè una partita infortunato e l’altra pure. Esordio in campionato per il talento di Civezzano e questa è la notizia della giornata (scorsa).

TAMANINI 7
Classica domenica padre-figlio da telefilm americano. La giornata si trasforma però in incubo. Il giovane stopper ferma infatti senza battere ciglio una famiglia, senza lasciare tracce. Ricercato.

DONDI 6
Festa in relax. Controlla e dirige senza affanno il traffico. Terminata la partita ripiega educatamente la maglia ancora asciutta. Economy.

FACCHINELLI 6
Vaga avanti e indietro per la fascia. Non si capisce bene dove voglia andare e cosa abbia intenzione di fare. Confuso dalle indicazioni tattiche impartite dalla panchina.

NARDELLI 6.5
Imposta e contrasta con egual efficacia. Rallenta il gioco quando è il momento di rifiatare. Gestisce il centrocampo e perfino la riserva di Corona.

BAZZANELLA III 5.5
Si presenta al confine fra Lona e Lases l’unico fratello più scarso del fratello scarso della famiglia Bazzanella. Si sacrifica creando spazi in un modulo che premia soprattutto le ali. Peccato, tutto petto.

FRANZOI 7
Guida la squadra e la fascia di competenza in religioso silenzio. Corre come una fuoriserie, chilometraggio illimitato e non consuma un cazzo. Giulio Margoni studia.

BETTI 8.5
Sembra il compagno di banco nerd che spende tutto il tempo immerso sui libri di scuola. Poi scopri che l’apparenza inganna e to trovi vicino uno da cattiva compagnia. Prestazione da incorniciare. Un uragano. Segna tre gol, uno particolarmente bello; al contrario del taglio di capelli.

DIOP 7
Il pube de oro aquilotto segna, si muove e si insinua. Centimetri importanti là davanti. E per una volta non si parla delle sue decantate qualità.

DIAGNE 6.5
Corsa, centimetri e posizione. Alla panchina basta così. Copre e difende il risultato senza rischiare troppo. Piccoli Diop crescono.

BRAGAGNA 6.5
Si addormenta durante il lungo viaggio dimensionale da Trento a Lona Lases. Leggende narrano si sia addormentato perfino in panchina ai tempi della Virtus Trento. Sembra che si addormenti perfino durante l’amplesso. Narcolettico.

TALEVI 6.5
Chiamato dal Mago di Cadine. Clark Kent entra nella cabina, si cambia, assume una massiccia dose di anabolizzanti, steroidi e nandrolone per entrare in campo più deciso.

NONES 7
Zitto zitto, ma neppure troppo, si prende la terza vittoria consecutiva e si gode il primato in classifica. Il panettone è purtroppo dietro l’angolo. Difficile contestare l’efficacia del tecnico aquilotto. Forse il gioco, sfacciatamente propositivo e spumeggiante. Le palle lunghe piacciono molto di più.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...