Pagelle Calceranica – Aquila Trento 0-1

PELZ 7+1
Partita delicata. Il portiere made in Cembra svolge mansioni di routine. Rischia poco; esperienza e mestiere. Fra i pretoriani di Ezio Nones che più crede nel salto di categoria. Dopo una lunga militanza in biancazzurro non ha ancora capito un cazzo.

TALEVI 7
Prova tutta muscoli e pochi piedi per il difensore della collina. Buona guardia per il presente, nubi per il futuro. Coinvolto nel ciclone doping dell’atletica italiana.

BRUGNARA 7+
Lessie torna a casa. L’emozione è palpabile come la prima volta che, ancora brufoloso, si è concesso a qualche ragazza, probabilmente brutta e con beneficio del dubbio che l’esemplare fosse effettivamente di sesso femminile. Inversamente proporzionale alla sua prima volta, la prova in questo caso viene superata a pieni voti.

DONDI 8
Le stagioni passano; l’età avanza; il romanticismo resta. Non si può cancellare il passato virtussino, ma oltre un decennio all’Aquila Trento sbiadisce tutto e le bandiere si issano. Magari segna meno, forse le punizioni sono meno potenti. Ma per informazioni si può sempre chiedere al Calceranica.

PINTARELLI 9
E poi dal cilindro spunta lui. A memoria d’uomo non si ricorda l’ultima partita dal primo minuto per l’esemplare mocheno. Sfodera una prestazione di sostanza e di schizofrenia commuovente.

FRANZOI 6.5
Sindrome da Pintarelli. Litiga con il proprio subconscio, ma dopo le ultime uscite un pò banali, estrae una gara di fatica e dedizione.

FACCHINELLI 7+
Vola sulle ali della fantasia e dell’amore.

BAZZANELLA 7
Infortunato e svogliato. Eppure risulta positivo, non come Talevi ai controlli doping, ma il pubblico si accontenta. Sembra che si sia adattato molto bene e velocemente alla categoria.

NARDELLI 7
Se i giovani sapessero e i vecchi potessero. Se si potesse innescare le conoscenze dell’Eddy nazionale dentro lo spazio vuoto dietro la fronte di Bazzanella si avrebbe un giocatore raffinato. Non si può. Il coloured aquilotto è una garanzia. L’aria delle vacanze spagnole lo rinvigoriscono.

MANTOVANI 6.5
Solita partita di coraggio, abnegazione e bulimia per l’ex di Bolghera, Vattaro e Marco Mazzurana. Un attaccante di peso. Il fascino degli antichi gladiatori che mandano in visibilio le folle.

DIOP 7.5
Si mangia il panettone in anticipo. Partita di sportelle, salti e corse. D’altronde in Senegal ogni mattina una gazzella si sveglia, sa che deve correre più in fretta del leone o verrà uccisa. Ogni mattina in Senegal, un leone si sveglia, sa che deve correre più della gazzella, o morirà di fame. Quando il sole sorge, non importa se sei un leone, una gazzella oppure un Diop: è sempre meglio che cominci a correre.

BETTI 6.5
Sotto la pettinatura, nulla. E la visione non è tanto sexy. Ormai è un brodino.

DEMATTE’ sv
La tentazione è di regalare il solito sei. Meglio un Ferrero Rocher.

BRAGAGNA sv
Si sveglia in tempo per entrare in campo. Prova narcolettica senza arte e parte.

NONES 7
Vittoria e primato. Il subcomandante Nones guida la rivolta per la promozione. Dietro il passamontagna si trova un animo dolce, sensibile e un fine stratega.

RE GIORGIO FACCHINELLI IL PRESIDENTE 10
Si distingue per pacatezza e riservatezza nel dopo partita. Tre punti importanti, un bacio e strette di mano. Personalità.

PATRON 1
Tanti proclami, ma la sensazione è che il giocattolo stia sfuggendo di mano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...